Le Neptune

L'assedio

Francia, settembre 1870.

Parigi sta per finire sotto scacco. La sconfitta di Sedan è l’antipasto di un piatto forte che i parigini troveranno indigesto. Helmuth von Moltke, detto il Vecchio, ordina all’armata della Mosa di marciare verso Parigi e circondarla con 150.000 fanti Prussiani.

Il 19 settembre l’anello di ferro si chiude come un’atroce morsa tagliando ogni possibile tentativo di entrare o uscire dalla città.

L'assedio di Parigi

I cani di Monsieur Duval

Tutte le comunicazioni sono bloccate o intercettate dall’esercito prussiano. Iniziano i tentativi per inviare messaggi all’esterno. Monsieur Duval alleva cani, tutti di razza e addestrati. E ha un’idea.
L’idea di Duval è semplice, usare i migliori amici dell’uomo come corrieri legando dei messaggi al collare di ognuno di essi. Contando i suoi cani e quelli dei suoi amici è sicuro che le truppe nemiche non riusciranno a bloccarli tutti. Ma si sbaglia. I soldati se lo aspettano. I poveri animali vengono tutti abbattuti non appena a tiro di moschetto e a portata di baionetta.

Ballons Montès

Benôit e le boule de Moulins

Nei giorni a seguire la disperazione in città diventa pane quotidiano.

Serpeggia la voce che le scorte alimentari siano state sovrastimate dal generale Trochu. A questo si aggiunge lo sconforto di un altro fallimento nel tentativo di comunicare con l’esterno e ricevere notizie. Un giovane parigino ha proposto di impiegare delle grosse sfere di zinco, come contenitori dei messaggi, da affidare alla corrente della Senna dalla base postale di Muolins.

Purtroppo i prussiani con reti da pesca e grate installate lungo il corso del fiume, ne raccolgono la maggior parte senza troppa fatica.

Il ritratto che faccio meglio è quello della persona che conosco meglio.
Felix Tournachon

L’ultima spiaggia, il cielo di “Nadar”

Sono i palloni aerostatici, i “ballons montés” la soluzione all'isolamento. Sollecitato dall'amministrazione, Monsieur Felix Tournachon detto “Nadar” - fotografo e appassionato di volo aerostatico - suggerisce di utilizzare delle mongolfiere con equipaggio per forzare il blocco.

E la cosa funziona perché dal 23 settembre 1870 per i successivi quattro mesi, 66 palloni insieme a un pallone libero senza nome né passeggeri “Non Dénommé”, la­sciano Parigi con il loro carico postale.

Alcuni “ballons monté” carichi di posta e dispacci sono catturati, altri atterrano in zona nemica. Un paio si perdono nell'oceano ma l’avventura dei “Ballons Montés” è appena iniziata e con lei la storia della prima posta aerea.

Il 28 gennaio 1871 Parigi capitola conquistata dall'esercito Prussiano. Un passaggio che segna la caduta definitiva del regime imperiale di Napoleone III e getta le solide fondamenta per il futuro Impero Tedesco.

Ma questa è un’altra storia.

Immergiti nell'atmosfera della Parigi accerchiata dai Prussiani. Rievoca le storie degli assediati e i loro tentativi di forzare il blocco.

Descrizioni minuziose,
le migliori del settore

Spedizioni veloci e
assicurazione inclusa

Certificati in chiaro
senza doverli richiedere

Una moltitudine di
immagini descrittive

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su "Accetto" o continuando la navigazione, dichiari di avere compreso le modalità nell'Informativa Estesa ai sensi dell'Art 13 del Reg. (UE) 2016/679. Per maggiori informazioni visita la pagina Privacy e Cookie.