Era il 3 aprile 1961 quando, in occasione della visita ufficiale del Presidente della Repubblica Giovanni Gronchi a tre Paesi sudamericani (Argentina, Uruguay e Perù), venne predisposta una serie commemorativa di tre francobolli: il 170 lire azzurro per celebrare il primo Stato, il 185 lire verde per il secondo e il 205 lire rosa lilla - il Gronchi Rosa - per il terzo.

Ma a poche ore dalla sua nascita e dall'inizio della sua vendita postale diventò il francobollo più noto e desiderato del periodo repubblicano italiano. Il reclamo era arrivato dall'Ambasciata peruviana a Roma: sul francobollo dedicato al Perù, infatti, i confini di Stato erano errati. Il bozzettista a cui era stata affidata la creazione del disegno dei tre francobolli aveva usato un atlante geografico vecchio, del 1939, sul quale il cosiddetto "triangolo amazzonico" - un territorio aspramente conteso fra Perù ed Ecuador - non era attribuito al Perù, cui spettava, ma all'Ecuador.

Quindi venne ritirato dalla vendita nel giro di poche ore e sostituito dalla versione in grigio con i confini regolari che coprì, nelle buste già affrancate, il 205 lire rosa lilla (ma qualcuna sfuggì) facendo così nascere le famose buste del Gronchi Rosa “ricoperto”.

Questa la storia del più popolare francobollo dell’Italia Repubblicana ma proprio per questo anche oggetto di molte e diverse falsificazioni.

Per gentile concessione della Vaccari s.r.l., l’articolo “Le falsificazioni del Gronchi Rosa” di Paolo Vaccari edito la prima volta nel numero 19 di maggio 1998 nel “Vaccari Magazine”, Rivista specializzata in filatelia e storia postale, e successivamente aggiornato e tradotto in inglese.

Descrizioni minuziose,
le migliori del settore

Spedizioni veloci e
assicurazione inclusa

Certificati in chiaro
senza doverli richiedere

Una moltitudine di
immagini descrittive

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza. Cliccando su "Accetto" o continuando la navigazione, dichiari di avere compreso le modalità nell'Informativa Estesa ai sensi dell'Art 13 del Reg. (UE) 2016/679. Per maggiori informazioni visita la pagina Privacy e Cookie.